Centro Casa Poma - Riva Lago Olivella 12 - ch 6921 Vico Morcote

casapoma@bluewin.ch - Milena +41 (0)76 411 76 86  Max +41 (0)79 240 30 18

  • Facebook - White Circle
  • Twitter - White Circle
  • YouTube - White Circle
  • Google+ - Grey Circle

COSTELLAZIONI FAMILIARI

Cosa sono

Etimologia

Costellazione: viene dal latino "cum" e "stella". Significa dunque “aggregato di più stelle che compongono una figura immaginaria”. Nel lavoro terapeutico non si tratta di astri, ma si crea una figura inconscia. Gli elementi  possono essere membri della famiglia, persone legate al posto di lavoro, concetti astratti, emozioni, sintomi o  oggetti (case, paesi, terreni, ecc.).
Sistema: viene dal latino "sin", con, insieme, e "stema," stare, collocare. Quindi: “aggregato di parti di cui ciascuna può esistere isolatamente, ma che dipendono le une dalle altre secondo leggi e regole fisse e tendono a un medesimo fine”. Anche nel lavoro terapeutico delle costellazioni il cambiamento di un elemento ha sempre delle conseguenze per tutto il sistema, che deve trovare un nuovo equilibrio. Finché il sistema non è in equilibrio, si cercano delle soluzioni che portano pace ai discendenti. Nel nostro caso le leggi sono legate alla coscienza di famiglia, un concetto che ha scoperto Bert Hellinger, e il medesimo fine è il desiderio dell’anima di riconciliazione, collegamento, amore.

Pratica e Benefici

Tipo di pratica: il terapeuta porta il cliente a disporre le persone o gli elementi relativi al suo problema in un sistema che rispecchia una sua immagine inconscia. Questa costellazione rende evidenti delle dinamiche nascoste e dolorose che si affrontano fino a quando si trova un buon posto per ognuno. E’ un lavoro che non analizza, ma che richiede la piena forza di guardare su quello che si manifesta senza giudizi e timori. Questa totale accettazione e comprensione permettono nuove aperture e movimenti tra le persone fino a quando nasce un equilibrio nell’amore.
Le soluzioni che avvengono sembrano a volte dei miracoli, ma in realtà si tratta di leggi legate alla coscienza di famiglia e agli “ordini dell’amore“ (come li chiama B. Hellinger). Non ereditiamo solo il DNA ma anche la memoria dell’inconscio collettivo della famiglia. Il nostro inconscio collettivo familiare ricorda tutto quello che è successo nelle generazioni precedenti. La coscienza chiede ai discendenti di portare alla luce i traumi, le sofferenze, le ingiustizie e le esclusioni affinché si porti guarigione e ogni membro della stirpe possa essere riconosciuto, valorizzato e messo al posto giusto.

 

Come dice Hellinger, “la coscienza di famiglia prende a servizio i discendenti “ ma gli sforzi dei discendenti non possono veramente portare a delle soluzioni di benessere fino a quando loro non sono consapevoli di cosa è stato il vero problema o torto avvenuto nella famiglia. È solo con una costellazione che possiamo attingere a queste informazioni. I discendenti si sentono “presi a servizio“ quando ripetono tematiche di famiglia, malattie, disgrazie, rabbie, o fallimenti e - anche mettendoci tutto l’impegno - non riescono a evitare questi problemi. Le forze della coscienza familiare sono più forti della volontà del singolo.

Una volta che il cliente ha potuto vedere che il suo problema o blocco nella vita è strettamente connesso con un trauma familiare e questo è stato risolto, il discendente è finalmente libero di seguire il suo destino personale. Il beneficio principale è una profonda presa di coscienza del campo di famiglia e delle conseguenze che questo ha avuto sul cliente e il suo destino. Questo permette di lasciar andare i pesi che portava e che non gli appartenevano e si sentirà più libero. L’intero lavoro di costellazioni si muove grazie a un profondo desiderio di liberare amore ed è proprio questa forza dell’amore che porta guarigione e libertà. Siamo solo veramente liberi quando nel cuore scorre amore per tutta la nostra famiglia. A differenza di altre terapie l’effetto di guarigione succede proprio nel non voler a tutti costi cambiare o fare qualcosa di preciso, ma nel vedere quello che c’è e permettere di farlo scorrere fino a quando la comprensione e la riconciliazione prendono il sopravvento su tutto. In tutti noi c’è una forza di amore che cerca sempre il giusto e il meglio. Possiamo chiamarla anima. Se non la ostacoliamo, si presenta la soluzione che il cliente già porta nel suo inconscio e che lo rende libero. Il campo di famiglia che si manifesta in ogni costellazione ci dà delle informazioni a volte molto sorprendenti e scioccanti, ma capiamo che  ha la sua intelligenza con la quale possiamo finalmente entrare in contatto e comunicare.

Cos'è questa coscienza famigliare?

È un senso sociale invisibile, con il quale creiamo le nostre relazioni in gruppi. Conosciamo tutti la sensazione di “avere la coscienza pulita o sporca”. Non è altro che sentirsi in un accordo con l’appartenenza alla nostra famiglia di origine o no. La coscienza serve a tener legato il singolo alla famiglia di appartenenza.
Infatti, nella nostra storia di esseri umani, la sopravvivenza dipendeva dal nostro fare parte della stirpe. Il singolo da solo non ce la faceva. Dunque le leggi di comportamento della nostra famiglia di origine sono molto forti dentro di noi perché sono legate all’istinto di sopravivenza. Però è proprio a causa di queste leggi che una persona può sentire notevoli conflitti quando, nella propria vita, vuole percorrere una strada che non è conforme all’appartenenza. In questi casi Bert Hellinger parla di “irretimenti famigliari”.

Per chi è consigliata

Un beneficio molto importante è che il cliente si alleggerisce di tematiche non sue e ha più libertà di scelta. Anche disturbi fisici, malattie e disagi psichici sono molto spesso legati alla storia di famiglia e possono trovare guarigione. Questa terapia è consigliata a tutti coloro che vogliono andare a fondo di un problema e che vogliono venire a conoscenza di tutte le storie di famiglia che influenzano il loro destino. In altre parole, è un lavoro appropriato per tutte le persone che vogliono portare pace alla propria famiglia. E’ anche consigliato alle persone che cercano di vedere quali sono le componenti inconsce di una situazione difficile nella loro vita, per esempio dinamiche al posto di lavoro o blocchi di ogni genere. Ogni costellazione porta alla luce delle informazioni inconsce rispetto al problema di partenza. È inoltre possibile dare aiuti importanti ad adolescenti p.es. per elaborare il divorzio dei genitori o a integrare un’ adozione. Non c’è limite di età per fare delle costellazioni. La durata di tempo necessaria per godere di un beneficio è molto individuale. Si è visto che spesso anche una sola costellazione può portare un grande cambiamento, che accadono delle cose nuove “come per miracolo”.  E’ anche importante dare del tempo per lasciare che l’inconscio si possa riassestare e portare a nuovi movimenti e cambiamenti.

Come si svolge un incontro

Prima di fare una costellazione è utile che avvenga un colloquio tra il cliente e il terapeuta. Il cliente esprime cosa gli sta a cuore. Poi si parla del genogramma del cliente. E’ utile sapere cosa è successo nelle generazioni precedenti, in particolare bisogna tenere conto di persone morte in giovane età, aborti, incidenti, malattie gravi, separazioni, fallimenti, esclusioni (le cosiddette “pecore nere”), ingiustizie, traumi di guerra, emigrazioni.

Questa seduta serve a conoscersi, a creare un rapporto di fiducia e  portare alla luce i destini di famiglia. Due anni fa Bert e Sophie Hellinger hanno fondato la “Hellinger-scienza”, una scuola in cui loro insegnano. Prima Hellinger faceva regolarmente seminari di supervisione per terapeuti in vari posti in Europa e da diversi anni ci sono numerosi costellatori che hanno lavorato assieme a Hellinger e che ora insegnano  e praticano questo metodo. Normalmente i costellatori erano  già  terapeuti prima, medici o guaritori. Questa base è importante perché le persone che cercano una soluzione con una costellazione vanno spesso seguite prima e dopo.

Per saperne di più

In internet si trovano vari siti dove si propongono seminari di costellazioni. Vedi soprattutto il sito www.hellinger.it.
Hellinger stesso ha scritto tanti libri che sono stati tradotti anche in italiano. Per iniziare posso consigliare Riconoscere ciò che è (edizioni Urra); I due volti dell’amore (edizioni Crisalide), Gli ordini dell’amore (edizioni Urra).  Sul sito www.hellinger.it si trova una bibliografia completa. La rivista italiana dedicata alle costellazioni si chiama “Costellazioni sistemiche, approcci di Consulenza e Terapia”, vedi www.rete-costellazioni.com. In questa rivista ho pubblicato diversi articoli.

Ho fatto una formazione di 2 anni al “Bert Hellinger Institut” di Berlino con Michaela Kaden, collaboratrice di Bert Hellinger. Ho seguito vari seminari di supervisione con Bert Hellinger e conosciuto tanti altri Costellatori. Ho creato il Centro Casa Poma di terapie olistiche e lavoro come terapeuta corporea da venti anni. Da dieci anni propongo regolarmente dei seminari di costellazioni con Max Bernardi, che ha seguito una formazione di 2 anni con Utta ten Herkel.

Il fondatore Bert Hellinger

Il fondatore delle costellazioni sistemiche, o “della ricostruzione sistemica-fenomenologica della famiglia,“ come questa terapia veniva chiamata all’inizio, è il germanico Bert Hellinger.

Da giovane, B. Hellinger ha fatto tre anni di guerra nella seconda guerra mondiale. Poi ha studiato teologia e divenne prete. Visse tanti anni in Africa come insegnante e direttore di scuola. Trovò il libro “Dinamiche di gruppo” di Eric Berne e questo diventò importantissimo per il suo lavoro con gli studenti. Poi tornò in Europa, in Austria, fece diversi anni di psicoanalisi, si recò a San Francisco per lavorare con Janov (urlo primario). Smise di fare il prete, rientrò in Germania e iniziò a lavorare come psicoterapeuta. La domanda che portò a creare la base del suo lavoro delle costellazioni fu: “perché le persone quando raccontano quello che le fa soffrire, hanno un leggero sorriso sulle labbra?” Dopo diversi anni trovò la risposta: le persone inconsciamente si sentono in un accordo con un avvenimento doloroso o traumatico di un loro antenato e vivendolo pure loro ricordano e vogliono risolvere qualcosa che non appartiene a loro, ma a un antenato escluso, dimenticato, giudicato.

Facendo così sono in un accordo con la COSCIENZA di famiglia che vuole sempre includere tutti. Tutta la ricerca di Hellinger è basata sui fenomeni che lui osservava nella terapia con le famiglie e così la chiamò terapia sistemica-fenomenologica. In questo modo ha scoperto come funzionano le leggi della coscienza di famiglia.

-Milena Rottmann-